Vi abbiamo già parlato dei pericoli che incombono in seno al canone Rai arretrato. Stando a quanto scrive su "Il Giornale" Arturo Diaconale, membro del Consiglio di amministrazione Rai, ci sarebbe una minaccia che incombe su quel 27% degli italiani che secondo le stime dell'Agenzia delle Entrate non ha mai pagato il tanto odiato "obolo".

A quanto pare, il Fisco sarebbe pronto a presentare il conto a tutti gli evasori totali forte della modifica alla legge voluta dal premier Matteo Renzi che permette alla televisione di Stato di raccogliere la tassa inserendola nella bolletta elettrica.

Una recente circolare dell'Agenzia delle Entrate ha chiarito che quel 27% di evasori non pagherà maggiorazioni nella bolletta elettrica di luglio, quando ci sarà da pagare la prima rata da 70 euro del Canone. Ma la circolare non chiarisce un dettaglio non da poco: cosa potrà accadere nelle bollette successive?

Il Fisco non esclude quindi che possa bussare alla porta di quel 27% e pretendere circa 2 mila euro in più nella bolletta elettrica, cioè l'ammontare del Canone non pagato negli ultimi 10 anni. Per questo al governo non resta che intervenire con un condono o un'amnistia fiscale.