Terrore a Teheran, capitale dell'Iran: questa mattina c'è stato un doppio attacco terroristico coordinato. Ma le notizie sono ancora in evoluzione. Inizialmente c'è stata una sparatoria all’interno del parlamento e poi un attacco suicida al mausoleo di Khomeini, lungo la strada che conduce all'aeroporto internazionale. Il bilancio al momento è di almeno 10 morti, compresi alcuni attentatori, e 30 feriti. Alla fine, dopo le due ore di attacco in parlamento, due degli aggressori sarebbero stati arrestati e gli altri uccisi. L'Isis ha subito rivendicato.

Almeno tre aggressori armati di kalashnikov e pistole hanno fatto irruzione nel Majid. Secondo il ministero degli Interni iraniano, gli assalitori sarebbero entrati nell'edificio vestiti da donna. La violenta sparatoria all'interno dell'edificio parlamentare è stata anche registrata in un audio. Almeno una guardia sarebbe stata uccisa. Ma anche alcuni degli aggressori potrebbero essere stati alla fine eliminati. È scattato l'intervento delle teste di cuoio e gli uomini armati avrebbero preso in ostaggio almeno quattro persone e si sarebbero asserragliati nella parte alta dell'edificio. Uno degli assalitori, che indossava una cintura esplosiva, si sarebbe fatto saltare in aria mentre un altro sarebbe fuggito. Ci sarebbe stata dunque un’ulteriore sparatoria a piazza Baharestan, di fronte al parlamento.

Il secondo attacco si è svolto al mausoleo dell’imam Khomeini, a sud di Teheran. Qui uno o due kamikaze si sono fatti esplodere. Numerosi i feriti e almeno una vittima. In azione, secondo la tv di stato, ci sono state almeno 4 persone. Oltre all’attentatore suicida, un altro assalitore è rimasto ucciso in uno scontro a fuoco, un secondo invece si sarebbe suicidato ingerendo una capsula di cianuro, e un terzo, una donna, sarebbe stata catturata. Un’esplosione è stata udita anche alla metropolitana del Mausoleo di Khomeini.