Castelbuono si candida a diventare Città Creativa Unesco nel settore gastronomia, il sindaco Mario Cicero: «Puntiamo a diventare un Comune ambasciatore della Dieta Mediterranea nel mondo».

Castelbuono si candida a Città Creativa Unesco

Al momento non ci sono presenze italiane a sud di Roma all’interno del network Unesco delle città creative. L’annuncio della candidatura è stato dato dal sindaco, presso l’Oratorio di Sant’Elena e Costantino della Fondazione Federico II.

«Il Comune – ha detto Mario Cicero – ha identificato la creatività, declinata nel settore della gastronomia, come elemento strategico per il proprio sviluppo urbano sostenibile. Castelbuono punta a diventare la Città Creativa Unesco ambasciatrice della Dieta Mediterranea nel mondo, promuovendo la tutela della biodiversità e condividendo best practice nell’uso delle materie prime».

Se Castelbuono venisse riconosciuta nel network, porterebbe l’intera Sicilia in una – meritata – posizione di rilievo all’interno del circuito.

Ad accompagnare la città sarà la società di consulenza Angelo Boscarino di Bia Srl, che ha spiegato quali sono i prossimi step previsti per la call: le iniziative di sostegno e comunicazione di progetto, la raccolta delle lettere di supporto, l’organizzazione di tavoli di lavoro con la comunità e gli stakeholder per l’identificazione delle linee progettuali da inserire nel dossier di candidatura.

Quali sono le Città Creative Unesco

La Rete delle Città Creative dell’Unesco è nata nel 2004, per promuovere la cooperazione tra le città che hanno identificato la creatività come elemento strategico per lo sviluppo urbano sostenibile. Raccoglie in tutto 7 aree, corrispondenti ad altrettanti settori culturali: Musica, Letteratura, Artigianato e Arte Popolare, Design, Media Arts, Gastronomia e Cinema.

Attualmente ne fanno parte 295 città, nei Paesi di tutto il mondo. Collaborano per un obiettivo comune: fare della creatività e dell’industria culturale il centro dei loro piani di sviluppo a livello locale e collaborare attivamente a livello internazionale.

In Italia, al momento, ci sono 13 città creative:

  • Bologna (musica)
  • Fabriano (artigianato e arte popolare)
  • Torino (design)
  • Roma (cinema)
  • Parma (gastronomia)
  • Milano (letteratura)
  • Pesaro (musica)
  • Carrara ((artigianato e arte popolare)
  • Alba (gastronomia)
  • Biella (artigianato e arte popolare)
  • Bergamo (gastronomia)
  • Como (artigianato e arte popolare)
  • Modena (media arts).

Foto: Christophe PINARDLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati