PALERMO – Un minore migrante in un centro di accoglienza di Casteldaccia è stato ricoverato per un sospetto caso di turbercolosi. Il ragazzino, che frequenta la scuola media Luigi Capuana, è finito dapprima al Policlinico di Palermo, poi in un centro specializzato di Caltanissetta. La notizia ha scatenato il panico: questa mattina le mamme non volevano mandare i figli a scuola.

"Siamo molto preoccupate. Ci dicono che il ragazzo potrebbe avere la tubercolosi e ha frequentato per mesi le stesse classi dei nostri figli. Vogliamo avere notizie certe e sapere come si muoverà l'istituto e il sindaco davanti a questa emergenza", dicono diversi genitori, come riporta l'Ansa. Alcuni alunni non sono entrati in classe, anche se la maggior parte di loro ha seguito regolarmente le lezioni.

Spiega Fabio Spatafora, sindaco del comune in provincia di Palermo: "Abbiamo preso tutti le possibili precauzioni. Ancora non abbiamo la conferma che si tratti di tubercolosi. Ad ogni modo abbiamo avvertito l'Asp di Bagheria che si sta attivando per la profilassi prevista per quanti lavorano nella comunità, i ragazzi che vivono con il giovane e gli alunni che sono stati a stretto contatto con lui Adesso stiamo anche predisponendo una disinfestazione straordinaria dell'istituto anche se ci hanno detto che non era necessaria. Ma io, da padre, ho disposto che fosse eseguita sia all'esterno che all'interno".