CATANIA – Un ragazzino di 16 anni ha ferito con diversi colpi di pistola il 29enne pregiudicato Angelo Sciolino a Catania. Secondo quanto riferito dal giovane ai carabinieri che lo hanno bloccato, la causa sono dei dissidi tra vicini di casa. Già, perché le famiglie abitano a un tiro di schioppo nel quartiere San Cristoforo. 

I militari hanno notato il 16enne che correndo in strada provava a nascondere l'arma, una Beretta calibro 9×2 risultata rubata a Messina nel 2004. La pistola aveva la canna ancora calda, odorante di polvere da sparo e il colpo in canna. Il minore è stato immediatamente portato in caserma.

Il giovanissimo ha confessato tutto. Adesso deve rispondere di tentato omicidio e detenzione illegale di arma. Angelo Sciolino, da par suo, è stato sottoposto a un delicato intervento al "Vittorio Emanuele": nonostante le gravi ferite al viso, per fortuna non è in pericolo di vita.