PALERMO – Sarà la perizia psichiatrica a stabilire se è limitata o meno la capacità di intendere di Giuseppe Pecoraro, l'uomo accusato dell'omicidio del clochard Marcello Cimino, bruciato vivo nel marzo scorso mentre dormiva su un giaciglio davanti al ricovero dei Capuccini a Palermo. La perizia è stata disposta dal giudice Maria Cristina Sala, davanti alla quale si svolge l’udienza preliminare. La difesa, che ha scelto il rito abbreviato condizionato, punta sull'incapacità di intendere e volere.

Gli avvocati Carolina Varchi e Brigida Alaimo hanno condizionato la scelta del rito abbreviato – poi ammesso – proprio all'ingresso nel processo delle consulenze psichiatrica e criminologica. Pecoraro, secondo la difesa, oltre a una limitata capacità di intendere, avvertirebbe anche "disagio antisociale".

Arrestato dalla polizia poche ore dopo il delitto, e ripreso durante l'omicidio da una telecamera di videosorveglianza, ha confessato, raccontando agli inquirenti di aver agito perché Cimino insidiava la sua compagna. L'assassino, separato, lavorava come impiegato in una stazione di servizio a pochi metri di distanza dalla struttura religiosa che frequentava con regolarità, dividendo la mensa con altri ospiti e anche con l'uomo che, secondo lui, voleva portargli via la donna. Qualche sguardo di troppo avrebbe fatto scattare in Pecoraro la furia omicida.