Aveva il pollice verde, ma per una tipologia di piante molto particolare. I carabinieri hanno arrestato il palermitano Saverio Fortunato, residente a Carini, accusato di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e di furto aggravato. Il sessantenne contivava marijuana, servendosi di impianti di illuminazione e di riscaldamento alimentati grazie a un allaccio diretto alla rete pubblica.

Nella sua abitazione sono state trovate sette piante di 1,70 metri, altri sette vasi contenenti cannabis indica, 39 semi e il materiale utilizzato per la coltivazione.

Fortunato aveva realizzato un  impianto di ventilazione per allontanare odori sospetti, oltre a un impianto di riscaldamento costituito da diverse lampade alogene. Il giudice, dopo averne convalidato l'arresto, ha disposto la misura cautelare dell'obbligo di presentazione all'autorità giudiziaria in attesa del processo.