La Sicilia si mobilita per salvaguardare i luoghi di Franco Battiato. È stato costituito, con sede al Comune di Milo (Catania), il comitato “Milo e Franco Battiato“. Lo scopo è una Fondazione dedicata al cantautore siciliano, che a Milo non ha solo la residenza, ma anche un legame ancestrale con il “genius loci”.

Fanno parte del comitato, presieduto dal sindaco Alfio Cosentino, professionisti e tecnici. Verranno portate avanti iniziative multidisciplinari ispirate a temi artistici, culturali, umani e filosofici che ripercorrano le molteplici attitudini dell’uomo Battiato, riservando un’attenzione particolare a ciò che, da sempre, lo ha maggiormente ispirato: l’ascesi e la tensione verso il Sacro.

Da qualche settimana circola la notizia della messa in vendita della villa di Franco Battiato e si vuole anche scongiurare che i luoghi cari all’artista siciliano possano essere trattati alla stregua di proprietà senza un’anima. La tutela dell’identità dei luoghi e della loro importanza, è quindi fondamentale.

Ecco cosa si legge nell’appello del sindaco di Milo.

“È nostra intenzione  portare avanti iniziative multidisciplinari ispirate a temi artistici, culturali, umani e filosofici che ripercorrano le molteplici attitudini dell’uomo Battiato, riservando un’attenzione particolare a ciò che, da sempre, lo ha maggiormente ispirato: l’ascesi e la tensione verso il Sacro.

Ciò a cui si intende dare vita è un vero e proprio cenacolo creativo in cui coltivare Arte e Conoscenza. Obiettivo primario del Comitato, propedeutico alla Fondazione, è, come da statuto, la promozione di tutti i valori artistici e culturali, nonché dei luoghi, riconducibili al compositore siciliano e da cui egli è stato influenzato”.