Colpo di scena nella politica internazionale: il governatore della Regione siciliana, Rosario Crocetta, si candida come paciere per andare in Libia a "trattare".

"Conosco il Nord Africa, mandatemi a trattare"

Dopo il vano tentativo di Bernardino Leon, l'emissario dell'Onu che avrebbe dovuto trovare una soluzione alla polveriera libica e nonostante il pericolo Isis sempre più imminente, Rosario Crocetta, si fa avanti come piacere ed argomenta anche la sua scelta:

"Conosco l'islam, ho letto il Corano e parlo l'arabo – ha detto al Fatto Quotidiano – Insomma, qualcosa ne so: posso andare in Libia a trattare".

Effettivamente Crocetta conosce Tripoli come le sue tasche, mentre la città di Messina era senza acqua, lui viaggiava verso il continente africano, più e più volte. Questi viaggi – continua ancora il Presidente – sono stati proficui per l'economia e le relazioni politiche della nostra isola.