Disperato appello di Rosanna Costanzo, figlia di Giovanni Costanzo, comandante del peschereccio Santo Primo, naufragato al largo di Portopalo di Capopassero lo scorso 28 giugno:

«Rivoglio il corpo di mio padre Giovanni e chiedo che venga recuperata l'imbarcazione per far luce sulle cause del naufragio misterioso che ha decretato la sua morte».

La donna ha occupato una stanza dell'ufficio del sindaco, chiedendo di essere ricevuta. Ha anche mobilitato il presidente della Regione, Rosario Crocetta, e diverse testate ed emittenti televisive, chiedendo attenzione sul suo caso. «Abbiamo anche bisogno di un sussidio per vivere – ha detto – qui nessuno ci sta venendo incontro e non sappiamo più cosa fare».