6950_800x600_crop_534b1a58b6d51Due neonicotinoidi ampiamente utilizzati come insetticidi sembrano danneggiare gravemente la salute delle colonie di api durante l’inverno, soprattutto durante gli inverni piu’ freddi, secondo un nuovo studio promosso dall’Harvard School of Public Health (HSPH). La ricerca conferma gli esiti di precedenti indagini effettuate dall’HSPH che dimostrarono un evidente collegamento tra basse dosi di imidacloprid e la sindrome dello spopolamento degli alveari, in cui le api abbandonano gli alveari durante l’inverno e alla fine muoiono. Il nuovo studio ha scoperto che anche basse dosi di un secondo neonicotinoide, il clothianidin, hanno lo stesso effetto negativo. “Abbiamo dimostrato ancora una volta in questo studio che i neonicotinoidi sono potenzialmente i principali responsabili della sindrome dello spopolamento degli alveari di api sani prima dell’arrivo dell’inverno”, ha spiegato Chensheng (Alex) Lu, principale autore della ricerca pubblicata sul Bulletin of Insectology. L’indagine ha studiato diciotto colonie di api in tre siti del Massachusetts centrale dall’ottobre del 2012 all’aprile del 2013. In ogni posto, i ricercatori hanno separato le colonie in tre gruppi, uno trattato con imidacloprid, uno con clothianidin e l’ultimo non sottoposto ad alcun trattamento. Nei primi due gruppi le popolazioni sono diminuite costantemente durante l’inverno, collassando del tutto entro il mese di aprile.

F.F.
Meteoweb