01È un’idea tutta australiana e potrebbe rivoluzionare il mondo dell’abbigliamento: stiamo parlando del reggiseno ‘smart’, il primo a stringersi automaticamente a seconda dei tuoi movimenti.

Alcuni ingegneri australiani hanno dato vita al primo reggipetto semovente della storia. È stato creato presso il Centro di eccellenza per la scienza degli elettromateriali dell’Università di Wollongong ed è il primo indumento di questo tipo a seguire i movimenti del corpo di chi lo indossa.

Grazie infatti alla presenza di un gruppo di muscoli artificiali fatti di fibre di nylon disposte a spirale, il reggiseno ‘smart’ riesce ad adattarsi al seno a seconda di come il corpo si muove: si contrae quando si è in movimento e si allenta quando ci si siede o si sta in piedi.

L’obiettivo è quello di cercare uno dei capi più usati dalle donne al mondo, con caratteristiche che più che renderlo autosufficiente ne facciano un prodotto il più possibile adatto alla salute del fisico. Un supporto non scelto o non regolato correttamente può infatti sovraccaricare schiena e collo.

Stesso discorso anche per il seno. Ferretti e coppe troppo strette possono rischiare di schiacciarlo. Il ‘reggiseno ingegneristico’ promette di evitare tutte queste problematiche assecondando le curve in base anche ai movimenti e alle attività che compiamo.

Oltre a proteggerci da urti e freddo, potrebbe dunque presto diventare uno strumento indispensabile nel campo della senologia e perché no dell’ortopedia e infine della chirurgia applicata, ad esempio, all’oncologia.

Al momento però i ricercatori devono ancora trovare un buyer, qualcuno cioè che sia interessato all’acquisto, per rendere infine il prodotto appetibile al mondo commerciale. La squadra di ingegneri è infatti già al lavoro per reperire un team di designer ed esperti di moda che sia in grado di rendere il reggiseno intelligente anche bello. Al momento infatti, l’invenzione ‘bionica’ per i seni delle donne, somiglia più ad un paracadute: con cinghie più che spalline.

Ma tanto per rimanere in tema di posture sbagliate e danni per la salute, quest’anno è stato anche l’anno di Lumo Lift, che secondo la rivista Time si è aggiudicato il titolo di una delle invenzioni migliori del 2014. Lumo Lift è un dispositivo elettronico in grado di avvisare chiunque lo indossi, di aver assunto una posizione scomoda e soprattutto dannosa per la sua colonna vertebrale, attraverso una semplice e leggera vibrazione.

La base elettronica si collega ad una piccola spilla che è in grado non soltanto di stabilire la posizione, ma anche l’attività che stai compiendo; può essere dunque utilizzato efficacemente anche durante l’attività sportiva. Lumo Lift, si può ordinare online scegliendo tra due varianti di colore al prezzo di 99 dollari; si collega ad una semplice app che tiene conto e traccia dei progressi, e viene venduta con cristalli Swarovski per essere ancora più elegante.

Ma dal punto di vista dell’alta tecnologia, una delle invenzioni più curiose, particolari e sbalorditive, è sicuramente Ringly, l’anello che avvisa illuminandosi, quando arrivano sullo smartphone notifiche per e-mail e altri messaggi.

Autore | Enrica Bartalotta