Foto di Melania MillesDopo l’iniziativa lanciata dall’Associazione culturale “Gammazita” di portare i libri in piazza a Catania dal 18 al 21 di dicembre, la città è stata contagiata dalla cultura: consegnati ieri i noti premi di pittura “Katane” e giovedì i premi “Tito Mascali” per cronisti e poeti.

Dal 18 al 21 dicembre Catania si arricchisce di arte e di cultura, passando da giovedì 18 e da venerdì 19 dicembre, giorni in cui in città sono stati consegnati prestigiosi premi per incentivare e celebrare la cultura e l’amore per l’arte.

Ieri infatti, presso la Sala “Vincenzo Bellini” della residenza universitaria “Toscano-Scuderi” sono stati celebrati i vincitori della seconda edizione di “Katane”, evento pittorico della città di Catania che vede coinvolti gli studenti di Belle Arti dell’ateneo.

50 partecipanti hanno così potuto dare sfogo alla loro creatività, realizzando opere che meglio sapessero rappresentare i due argomenti proposti dall’Ente Universitario per il Diritto allo Studio, ovvero “Scorci di Catania” e “Catanesi famosi nel mondo”.

Anche quest’anno non è stato semplice proclamare i vincitori, ma ciò che più è valso la pena considerare, è sicuramente il fatto che sia per gli studenti che per l’Università che per lo stesso Ersu che ha organizzato la serata, l’evento in sé ha riscosso un grandissimo successo. La preziosa vetrina ha infatti nuovamente consentito ai giovani studenti di farsi notare, ma soprattutto e infine, di sfidare se stessi in un’ottica generale di miglioramento delle proprie tecniche pittoriche.

I premi in denaro sono stati assegnati ai vincitori che hanno presentato i migliori olii su tela da 70 x 100. 1.500 euro sono andati a Mikhail Albano, che si è aggiudicato il primo posto con il suo “Fontana Amenano”; al secondo sono stati assegnati 1.000 euro per “La Cantantessa” di Cinzia Castorina, mentre ‘la medaglia di bronzo’ del valore di 500 euro, è stata consegnata ex aequo a “Giovanni Verga” di Davide Pappalardo, a “’A Piscaria” di Andrea Ciclamino, e a “Melior de Cinere Surgo” di Elisabetta Zuccarello.

E mentre in un angolo della città giovani pittori in erba trionfavano, la sera prima presso Catania Libri, cronisti e compositori di poemi ottenevano un prestigioso riconoscimento voluto e messo in piedi dall’Associazione “Gabriele d’Annunzio” con il supporto della Assostampa locale.

I riconoscimenti al giornalismo e alla poetica, sono stati dedicati alla memoria di Tito Mascali. Compositore in versi e articolista, Mascali mosse i primi passi nel mondo lavorativo, nella redazione del “Corriere di Sicilia”, che proprio quest’anno avrebbe festeggiato il suo 71esimo anno dall’apertura dei battenti. Enzo Trantino, Aldo Motta e Antonio Di Paola, altre firme dello storico giornale, sono intervenuti nella serata di presentazione che ha poi dato il via alla cerimonia di premiazione.

Per quanto riguarda la 1^ edizione del Premio Letterario “Tito Mascali”, i riconoscimenti sono finiti tutti nella mani di una rosa di candidate: il primo premio se lo è infatti aggiudicato la poetessa Carmelita Randazzo Nicotra, con “Sarò l’amore”; a Rosa Maria Di Salvatore è stato assegnato il secondo posto, per il suo componimento dal titolo “Briciole di Ricordi”, mentre al terzo si è piazzata Paola Cozzubbo, con “Quella notte”.

I premi giornalistici “Raccontare Catania” sono stati rilasciati a due giovani articolisti di “La Sicilia”, la testata che ha acquistato la società “Corriere di Sicilia” verso la fine degli anni Sessanta, per aver saputo descrivere le vicende del catanese con competenza e professionalità. Agnese Virgillito, giornalista, collaboratrice per alcuni programmi della tivù nazionale in onda su Mediaset e La7, e autrice del libro “L’alone della luna”, si è aggiudicata il primo posto; seguita a ruota dalla ‘medaglia d’argento’ Alberto Buccheri, suo collega al giornale.

 Autore | Enrica Bartalotta