Vietato bere l'acqua di Taormina. A riportare la notizia è Repubblica, che spiega come le analisi richieste dall'amministrazione comunale non lasciano spazio a dubbi: i parametri dell'acqua non rientrano nei valori consentiti dalla legge e il sindaco ha quindi firmato un'ordinanza che "vieta con effetto immediato l'utilizzo dell'acqua potabile". Una brutta notizia in piena stagione estiva, che ha suscitato polemiche da parte di albergatori, ristoratori e turisti. 

"Abbiamo tentato di trovare una soluzione senza successo – dice l'assessore al Turismo, Salvatore Cilona – e così adesso ci affidiamo ad esperti di ingegneria idraulica. Anche nel luglio 2013 fu firmata un'ordinanza di divieto perché l'acqua dei rubinetti divenne torbida a seguito di una forte pioggia e neanche allora riuscimmo a trovare la soluzione, per questo il sindaco Giardina ha ritenuto necessario tentare adesso altre strade. La preoccupazione, legittima, di albergatori e ristoratori è anche la nostra: speriamo che tutto possa risolversi in pochi giorni".

Preoccupati gli operatori del settore:  "Bisognava pensarci prima – afferma Ernesto Fichera, presidente delle guide turistiche provinciali -. In queste settimane Taormina è invasa da migliaia di turisti, in alcuni giorni si raggiungono picchi di 10 mila presenze tra visitatori, crocieristi e spettatori di concerti ed eventi. Rimarremo almeno 15 giorni senza acqua, nella ipotesi più rosea, con le ovvie conseguenze di immagine ed economica".