Deve volerci parecchia fantasia, oltre alla forza di volontà, per stilare la classifica dei 10 paesi più ignoranti del mondo. L'indagine è stata condotta da Ipsos Mori in base alla "percezione dei pericoli" in riferimento alla realtà delle cose. Lo studio si è concetrato su diversi fattori, dall'immigrazione all'obesità passando per l'indice di ricchezza. A dare risalto alla ricerca è stato l'autorevole The Indipendent.

L'Italia, purtroppo, rientra in questa poco lusinghiera top ten. Bobby Duffy, direttore amministrativo di Ipsos Mori, spiega che "ogni popolazione ha una percezione sbagliata. Spesso si è ancor meno corretti sui fattori che vengono maggiormente discussi dai media o evidenziati come sfide dalla società". E il nostro paese si fa cogliere in fallo sulla controversa questione immigrazione: gli intervistati erano convinti che un quarto della popolazione presente nei loro paesi fossero immigrati, quando in realtà la cifra è inferiore a uno su 10.

Gli intervistati italiani hanno fatto peggio anche in risposta alla domanda sulla ricchezza. Globalmente nella maggior parte delle risposte risultava che l'1% delle persone più ricche del paese possedessero quasi la metà della ricchezza nel loro Stato, mentre la cifra, al contrario, è più vicina a un terzo.

Altri fattori sono invece sottostimati. L’età media in Brasile è di 31 anni, ma la maggior parte di loro pensava si attestasse a 56. Pure l'obesità è nettamente sottovalutata: in media gli intervistati pensavano che solo il 40% delle persone fosse sovrappeso, in realtà il problema riguarda oltre la metà della popolazione, precisamente il 54%.

Ecco la classifica dalla decima alla prima posizione:
 

10) Italia
9) Argentina
8) Sud Africa
7) Belgio
6) Colombia
5) Nuova Zelanda
4) Perù
3) Brasile
2) India
1) Messico