Ottobre è il mese ideale per iniziare la dieta. In questo periodo dell'anno, infatti, il peso corporeo è ai minimi e conviene pianificarla, perché poi in agguato ci sono le festività natalizie con il corollario di grandi abbuffate. Sono le conclusioni di una ricerca del "Cornell Food and Brand Lab" pubblicata sul "New England Journal of Medicine". Gli studiosi hanno preso in considerazione un totale di circa 3.000 persone in tre paesi (1.781 americani, 760 tedeschi e 383 giapponesi), scoprendo che le variazioni di peso nel corso dell'anno era differenti da una realtà all'altra ma con dei punti fermi: i chili in più si accumulavano durante le vacanze, in particolare quelle natalizie e di inizio anno.

Le differenze sono evidenti e inevitabili: per i tedeschi un aumento di peso a Pasqua, per i giapponesi durante la "golden week" dal 29 aprile al 5 maggio, per gli americani durante il periodo della festa del Ringraziamento. Ma il minimo comune denominatore si rintraccia, per l'appunto, nel periodo natalizio: gli americani mettevano su una media di 600 grammi, i tedeschi di 800 e i giapponesi di mezzo chilo.

Per perderlo ci volevano in alcuni casi almeno 5 mesi, a meno che non si riusciva ad adottare il "trucco" di pesarsi ogni giorno dopo il periodo delle vacanze, tornando al peso iniziale in meno di un mese. "Invece dei propositi del nuovo anno, fate quelli di ottobre. Pianificate a settembre o ottobre in modo da non dover passare mesi cercando di perdere peso", consiglia Brian Wansink, coautore della ricerca.