Etna - Eruzione del 13-febbraio 2014Continua senza alcuna sosta l’attività persistente al Nuovo Cratere di Sud-Est dell’Etna  iniziata la sera del 21 gennaio 2014, superando ormai due mesi di attività sostanzialmente ininterrotta. Gli esperti della Sezione di Catania dell’INGV spiegano che il Nuovo Cratere di Sud-Est, come nelle settimane precedenti, è sede di una modesta attività stromboliana all’interno della sua depressione craterica sommitale. Durante la settimana, l’attività stromboliana ha mostrato una leggera intensificazione, che è stata accompagnata anche da varie fasi di emissione di cenere vulcanica, come mostra l’immagine a sinistra, ripresa da Tremestieri Etneo (fianco meridionale etneo) al tramonto del 18 marzo 2014. Dopo sabato 22 marzo, l’attività stromboliana è ritornata su livelli più bassi, e dal mattino del 23 marzo, non sono state osservate emissioni di cenere.

Continua anche l’emissione di lava dal basso fianco del cono del Nuovo Cratere di Sud-Est, nell’area della nicchia di distacco formatasi il 11 febbraio 2014. Come già osservato nelle settimane precedenti, si sono formati diversi piccoli flussi lavici attivi che si sono riversati sulla parete occidentale della Valle del Bove. Alcuni di questi flussi hanno costeggiato la parte alta del campo lavico del 2008-2009, espandendosi verso nord-est, in direzione di Monte Simone, mentre altri flussi hanno cominciato a coprire anche la parte alta centrale del campo lavico del 2008-2009.

Per quanto riguarda l’instabilità del versante orientale del cono del Nuovo Cratere di Sud-Est, anche durante questa settimana sono stati alcuni piccoli crolli dalle pareti della nicchia di distacco del 11 febbraio 2014.

L’ampiezza media del tremore vulcanico durante l’ultima settimana ha mostrato solo minori variazioni, mantenendosi su un livello leggermente elevato rispetto a quello normale.

Peppe Caridi