Allerta da verde a gialla sull'Etna, per gli scenari possibili connessi all'eruzione in corso dalle bocche sommitali, con la presenza di attività stromboliana dal nuovo cratere di Sud-Est. Il dipartimento della Protezione Civile ha deciso di diramare l'allerta sulla base dei dati di monitoraggio e sulle valutazioni di pericolosità rese disponibili dai centri di competenza. 

La Protezione Civile, dunque, in relazione agli scenari di impatto locale ha innalzato, dal 24 agosto scorso, la fase operativa locale da "base" ad "attenzione" per i comuni dell'area sommitale.

"Indipendentemente dalle fenomenologie vulcaniche di livello locale, che possono avere frequenti variazioni – sottolinea la Protezione civile in una nota – persiste una situazione di potenziate disequilibrio del vulcano. Occorre quindi tener presente che i passaggi di livello di allerta possono non avvenire necessariamente in modo sequenziale o graduale, essendo sempre possibili variazioni repentine o improvvise dell'attività".