PARTINICO (PALERMO) – Il senegalese 19enne Khalifa Dieng è stato brutalmente picchiato da più persone a Partinico, in provincia di Palermo. Nonostante non abbia reagito, i suoi aggressori hanno continuato a colpirlo con schiaffi e pugni. Molte persone sono rimaste a guardare senza intervenire. "Vattene via sporco negro", gli avrebbero urlato i suoi aguzzini, fino a quando la vittima non ha ripreso la bicicletta per andarsene. 

I carabinieri hanno dato esecuzione un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari di due giovani lo scorso 2 agosto. I due hanno agito con l'aggravante di dell'odio etnico e razziale. Il giovane da due anni è ospite di una comunità. Dopo l’aggressione ha presentato denuncia. "Non ho reagito perché non alzo le mani. Mi potevo difendere, ma gli educatori della comunità mi hanno insegnato che non si alzano le mani", avrebbe detto ai militari.

Ieri i carabinieri della compagnia di Partinico hanno eseguito l'ordinanza emessa dal gip di Palermo, sottoponendo quattro persone alla custodia cautelare in carcere e tre agli arresti domiciliari. I 7 indagati, tra i quali due donne, sono ritenuti responsabili dei reati di lesioni e violenza privata, aggravati dalla finalità dell'odio etnico e razziale, commessi ai danni di sei giovani extracomunitari lo scorso Ferragosto tra Trappeto e Partinico.

IL VIDEO: