imagesAlle solite calimero.
Perchè la gente si ostini a cercare di fregare la comunità resta un mistero al quale non saprò mai rispondere. Perchè non si vuole lavorare? Il lavoro non nobilita l'uomo e da ad egli uno scopo?

Sembra di no.
Infatti, secondo una inchiesta scattata su presunti favoritismi nel riconoscimento delle indennità di accompagnamento, si apre l'ennesimo scandalo tutto italiano.
Purtroppo riguarda noi siciliani. E questo non può che gettare onta sull'impegno e abnegazione che molti di noi riversano sul proprio lavoro.

Ad essere indagato, questa volta, è un deputato. Il deputato Lo Sciuto che dichiara: "Spiegherò tutto al magistrato. Sono convinto che si renderà conto della mia totale estraneità a questa vicenda".

Spero vivamente per lui e per tutti noi che sia veramente estraneo alla vicenda. Sarebbe l'ennesimo politico a deluderci. L'ennesima guida a non aver compreso il ruolo di leader.
 

L'indagine è stata condotta dalla polizia di Castelvetrano e coordinata dalla Procura di Marsala. Come dicevamo prima, nei giorni scorsi al deputato regionale Giovanni Lo Sciuto, 50 anni, medico, originario di Castelvetrano, è stato notificato un avviso di garanzia per truffa.
 

"Io facevo parte di una commissione di prima istanza. In pratica, noi non facevamo altro che proporre le persone che si sottoponevano alle visite alla valutazione della commissione di verifica di Trapani. Era quest'ultima che definiva il giudizio medico legale e disponeva l'indennizzo al malato. Non capisco, quindi, perché io sia indagato. In quella commissione ero un medico di parte, che rappresentava il sindacato a tutela dell'ammalato. Spiegherò tutto al magistrato. Sono convinto che si renderà conto della mia totale estraneità a questa vicenda".


Non so quanto queste parole possano essere prese sul serio, ma staremo a vedere. “Cioè, deputato, Lei ci dice che suggeriva di visitare persone che in realtà sapeva non essere invalide?”, ci verrebbe da domandare, “Perchè suggeriva una persona piuttosto che un altra. Che metri di criterio utilizzava?”.

 

In particolare la magistratura si starebbe concentrando su una coppia di anziani, genitori di un consigliere comunale di Partanna: persone perfettamente in grado di vivere la loro giornata e che però sono risultati bisognosi di assistenza. E quindi risarciti con una generosa indennità di accompagnamento.

Ma oltre a questo caso ce ne sarebbero altri, stando alle indiscrezioni.

Purtroppo non è la prima volta che accadono cose simili a Trapani.
L'inchiesta sembra ancora molto aperta e possibile di altri “sconfortanti” (non saprei quale altro aggettivo usare) scenari.

Nel frattempo il Partito dei Siciliani-Mpa come si comporterà con il suo deputato?
Il deputato Lo Sciuto si allontanerà dalla vita politica fino a quando non sarà stata fatta chiarezza?

Cosa dovrebbe fare secondo voi?

Riferimenti

    Autore | Viola Dante