CATANIA – È entrata in sala operatoria il 20 novembre del 2013, per essere operata al legamento crociato del ginocchio destro, ma è stata operata al ginocchio sinistro, subendo un prelevamento del tendine di 5 centimetri. L'intervento è stato eseguito all'ospedale Garibaldi Nesima di Catania e dell'operazione dovranno rispondere due medici della struttura catanese: Domenico Borrello e Pietro Barbaro. Entrambi, come riportato da LiveSicilia, sono stati rinviati a giudizio per lesioni aggravate. Secondo il pubblico ministero avebbero agito con "imperizia e negligenza", causando un danno permanente alla paziente. Entrambi i medici hanno respinto le accuse e sostengono di aver eseguito l'operazione al ginocchio sinistro, anziché a quello destro, perché dopo l'anestesia si sarebbero resi conto al tatto che era più urgente operare qull'arto, quindi hanno proceduto con l'asportazione del tendine. I legali della paziente hanno annunciato che citeranno "immediatamente l'ospedale Garibaldi come responsabile civile per l'operato dei due medici imputati".