La storia di Giorgio Zammario, trevigiano di 32 anni, che ha scelto la Sicilia per produrre un gin con i prodotti del territorio. Ha lavorato per società internazionali e ha vissuto anche a Londra, ma aveva già la passione per questo distillato.

Il gin agricolo prodotto in Sicilia

Quello del gin agricolo è un trend abbastanza recente nel mondo dei distillati. La nostra Isola aggiunge materie uniche, nate da una biodiversità che ha pochi eguali al mondo.

Originario di Treviso, Zammario racconta a La Sicilia: «All’inizio mi ero innamorato dei fiori di zagara e ho provato a portarli a Londra per fare delle prove. Faccio una provetta, ottengo anche un prodotto “carino”, ma rimaneva un po’ aspro, non mi soddisfaceva, dovevo continuare a sperimentare».

In un primo momento ha messo il progetto da parte, poi con la sua famiglia, che produce vino fra Modica e Rosolini, ha comprato una proprietà sul Monte Renna. «In questa casa, chiusa per 50 anni, era crollato tutto, era rimasta in piedi solo la scala e poco più che i muri portanti, ma il posto è in un luogo incredibile».

Quindi aggiunge: «Il territorio siciliano è di una bellezza incredibile e lo dico sia da “adottato” che da esterno. C’è una natura che è una delizia, un mare divino, ha un equilibrio spettacolare fra delicatezza e asperità. Sarà questo vento d’Africa che soffia sempre, sarà la natura, saranno i siciliani stessi, che rendono l’isola qualcosa di unico, valorizzare questo territorio per me è qualcosa di meraviglioso».

Tra i prodotti usati, ci sono carruba, mandarini, nepitella ed erbe spontanee. Il valore aggiunto è proprio quel “Made in Sicily”, conferma Giorgio Zammario. Nella distilleria di Giovi a Fondachello (Messina) produce due tipologie di gin: “London dry” (mandorla e carruba) e “Dry” (mandarino e altre 10 spezie), per circa 10mila bottiglie l’anno.

«Questo gin è figlio della biodiversità dei monti Iblei, anzi è figlio della Sicilia». Nella tenuta di Monte Renna sono state messe a dimora 250 piante di ginepro, destinate alla produzione di gin. «Non so se in un altro luogo avrei potuto ottenere lo stesso obiettivo. Alla fine quando penso a tornare a casa non penso al Veneto, penso alla Sicilia. Questa terra ha una una sua aria unica», conclude Zammario.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati