01Università e mondo del lavoro, seminario al Dipartimento Economia e Impresa di Catania

JOB PLACEMENT, COME AFFRONTARE IL COLLOQUIO CON LE AZIENDE

«Il curriculum è solo la punta dell’iceberg, potenziare le capacità comunicative»


CATANIA – «I selezionatori in genere dedicano quattro secondi a decidere se continuare a leggere un curriculum o cestinarlo, il mercato del lavoro è sempre più competitivo e ottenere un colloquio da un’azienda è già una prima conquista». Così ha spiegato Mauro Cantoia – responsabile per la Sicilia orientale della multinazionale della formazioneYour Trainers Group – agli studenti che hanno partecipato all’incontro tenutosi a Palazzo Fortuna ieri 14 marzo 2016. Un momento di approfondimento inserito nel ciclo di seminari professionalizzanti organizzati dal Dipartimento di Economia e Impresa dell’Università degli Studi di Catania sul tema: “Lingue straniere nel mondo del Lavoro. Inglese e Francese nel Job Placement”. «La conoscenza delle lingue straniere oggi è fondamentale – ha commentato Veronica Benzo, docente di francese e responsabile dell’area lingue del Dipartimento che ospita i seminari – il valore aggiunto oggi è padroneggiare una seconda lingua comunitaria. È necessario però integrare le abilità linguistiche con le competenze trasversali necessarie a distinguersi nel mercato del lavoro». 

Le modalità di presentazione delle proprie esperienze e capacità rappresentano molto spesso la chiave per far interessare le aziende che offrono posizioni lavorative: «Il curriculum è solo la punta dell’iceberg – ha commentato Cantoia – quello che serve veramente è avere le idee chiare sul lavoro che state cercando. Dimenticate le leggende metropolitane legate ai colloqui di lavoro e a quello che bisogna scrivere o non scrivere nei curriculum, questo è uno dei punti su cui fare chiarezza: non è necessario raccontare la storia della propria vita, cercate di finalizzare le informazioni tenendo presente che dovrete dimostrare di essere la persona giusta per quell’azienda e per quel lavoro. Il colloquio non dev’essere considerato un evento isolato in cui dare il massimo in dieci minuti – ha continuato – i reclutatori non richiedono questo, vogliono piuttosto rendersi conto se siete in grado di reggere determinate situazioni che necessitano di rapidità d’esecuzione e la gestione dello stress». 

Your Trainers Group è una realtà internazionale di formazione specializzata nel coaching e trainingprofessionale: «Noi proponiamo un percorso formativo che mette in condizione lo studente, ma anche il neo laureato, di sviluppare quelle competenze che nel mondo del lavoro fanno la differenza: la capacità di ragionare per obiettivi, di gestire i propri stati d’animo, le abilità legate alla comunicazione e al parlare in pubblico. Anche le nostre pubblicazioni di riferimento sono diventate dei successi editoriali: “Inglese in 21 giorni”, ad esempio, scritto da Luca LorenzoniMassimo De Donno e Giacomo Navone ha venduto più di 100mila copie».