Dalla morte, una nuova vita. Il cuore di Massimo Calogero Giuliana, 47enne morto dopo essere rimasto gravemente ferito da un colpo partito accidentalmente partito dalla sua pisto d'ordinanza (era una guardia giurata), adesso batte nel petto di un ragazzo ragusano di 28 anni. Il gruppo di coordinamento trapianti dell'Asp di Siracusa, guidato da Franco Gioia Passione, ha effettuato le procedure necessarie, insieme agli oftalmologi dell'ospedale aretuseo e all'equipe dell'Ismett di Palemro. Alla guardia giurata sono stati prelevati vuore, fegato, reni e cornee.

Gli organi sono stati trasferiti a Palermo in elicottero, con il supporto della Croce Rossa Italiana. La figlia di Massimo Calogero Giuliana, aveva prestato il consenso per la donazione degli organi: «Sono davvero contenta che gli organi di mio padre – aveva scritto –  soprattutto il cuore, abbiano aiutato una persona ancora in fior d'età. Una parte del mio amato padre – aveva concluso – vive ancora dentro di lui e dentro le altre persone».