Il 19 luglio? Non ci sarò. Mi sono messo di turno al lavoro, a cercare di fare qualcosa di concreto, non ho tempo per commemorazioni senza senso. Per me, appassionato di calcio, i memorial sono quelli sui campi, non ne esistono altri.

Parole dure e decise quelle di Manfredi Borsellino, figlio del giudice Paolo, in riferimento alle commemorazioni in programma per ricordare la strage di via D'Amelio. I figli di Paolo Borsellino non saranno presenti.

Fiammetta da sei anni – racconta Manfredi, oggi commissario di Polizia a Cefalù, a La Stampa – passa questo periodo a Pantelleria. Il 19 luglio fa celebrare una messa in memoria di papà in una chiesetta di contrada Khamma, sull'isola, dove entrano a malapena dieci persone. Lucia quest'anno sarà lì con lei. E io sarò in servizio, il 17, il 18 e il 19. Sono stato educato da mio padre all'etica del lavoro, alla concretezza, al rifiuto delle passerelle. Tre anni fa, pochi giorni prima dell'anniversario, abbiamo fatto un blitz contro la criminalità delle Madonie, il migliore modo di commemorarlo.

Mia sorella ha parlato di antimafia di facciata – aggiunge – e io quelle parole me le sono appese in ufficio, tanto le condivido, tanto mi sembrano arrivare dritte dalla voce di mio padre. Lei è la più figlia di Paolo Borsellino, è quella che ha nel sangue i suoi geni migliori.