Ci sarebbero stati motivi futili dietro il delitto di Maria Bonaria Contu, la 59enne uccisa con 11 coltellate a Capoterra, in provincia di Cagliari, dal vicino di casa Ignazio Frailis, un disoccupato di 46 anni. Secondo quanto riporta la stampa locale, a scatenare periodiche liti sarebbe stato il pappagallo della donna: l'uomo racconta che l'animale era stato addestrato per insultarlo e dirgli le parolacce.

Frailis è stato arrestato dai carabinieri per omicidio volontario. Maria Bonaria Contu era stata uccisa mentre faceva jogging con due amiche, una delle quali è rimasta ferita mentre tentava di difendere la donna. Non è ancora chiaro se si sia trattato di un incontro casuale o se, come appare più probabile, Frailis avesse teso un agguato alla vicina. Il delitto è quindi legato a problemi di vicinato che si trascinavano da anni e il fastidio suscitato dal volatile non sarebbe l'unico motivo all'origine del rancore verso la vittima, che lascia il marito e due figlie

Appena mezz'ora dopo il delitto, Frailis si era presentato in caserma accompagnato dallo zio, con il quale viveva, e dal suo avvocato, alla cui presenza avrebbe taciuto. I militari hanno sequestrato all'uomo il coltello a serramanico, ancora macchiato di sangue, con il quale era stato consumato l'assassinio e lo hanno poi accompagnato nel carcere di Uta, a disposizione dell'autorità giudiziaria.