Busta arancione in arrivo nelle case di alcuni italiani: la missiva contiene una simulazione della pensione futura, sulla base di quanto è stato versato finora, della retribuzione attesa e della data di uscita dal lavoro. Fino a oggi questo tipo di simulazione è stata disponibile solo online, ma tra poco arriverà anche nella cassetta delle lettere.

L'idea della busta non è una novità italiana: la prima a spedire una missiva arancione ai cittadini che stavano versando i contributi fu la Svezia. Sul sito dell'Inps è stata condotta una sperimentazione su 10.000 pensionandi e fra due o tre settimane l'istituto previdenziale invierà direttamente a casa dei lavoratori la busta arancione contenente la simulazione. 

"Abbiamo superato la soglia di un milione di persone che hanno fatto la simulazione online" – ha spiegato Tito Boeri, presidente dell'Inps. Le lettere verranno inviate a quanti non hanno usufruito di questa possibilità online perché – aggiunge Boeri – "vogliamo incoraggiarli a prendere il Pin sul sito". Dal 2016 il servizio sarà pienamente disponibile anche per i dipendenti pubblici e per i lavoratori con contribuzione versata ai fondi amministrati dell'Inps.