La Sicilia dell’artista di Ispica, a cavallo tra verità fotografica
e sdoppiamento onirico

Prosegue con “Radioso”, di Francesco Lauretta, la rassegna Incursioni contemporanee, curata da Sergio Troisi, che si inaugurerà a Villa Zito, domani, sabato 27 ottobre alle 18.

Realizzata in collaborazione con il Comune di Palermo, la Regione Sicilia e Visiva e tra le iniziative di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, Incursioni contemporanee indaga sulla contaminazione tra le collezioni pittoriche della Fondazione Sicilia e i linguaggi contemporanei.
A dialogare con la collezione di Villa Zito sarà Francesco Lauretta, artista ispicese la cui opera è caratterizzata dal forte tratto evocativo di una Sicilia visionaria, in bilico tra la fotografia e il dipinto.

“La chiarezza quasi fotografica delle sue opere conseguita attraverso un esercizio e un controllo non soltanto dei singoli dettagli ma anche della complessiva dimensione luminosa del dipinto – dice il curatore, Sergio Troisi – chiama in causa il valore di ciò che vediamo: se realtà attuale, reminiscenza o visione onirica”.
“I soggetti ritratti da Lauretta, ma anche i temi scelti e le modalità con cui trovano espressione nelle opere – conclude Raffaele Bonsignore, presidente di Fondazione Sicilia – determinano un dialogo profondo con la nostra collezione permanente, fatto di analogie ma anche di profondi contrasti”.
La mostra sarà visitabile fino al 7 gennaio 2019.