Depressione, individuati i comportamenti che precedono il suicidio. Quelli più frequenti sono azioni rischiose, agitazione e impulsività. Lo sostiene uno studio dell'European College of Neuropsychopharmacology (ECNP): chi rientra o si avvicina sensibilmente a questo schema di comportamento ha un rischio doppio di togliersi la vita rispetto a chi non lo fa.

La ricerca, portata sotto i riflettori dalla Bbc, è stata condotta su 2.811 pazienti affetti da depressione, di cui 628 con alle spalle un tentativo di suicidio. Il rischio di togliersi la vita è del 50% più alto in chi si comporta in modo rischioso, ad esempio guidando in modo spericolato, mostra agitazione psicomotoria, magari camminando a passo regolare nelle stanze o stringendo le mani, e impulsività, cioè agendo senza considerazione per le conseguenze. Spiega Dina Popovic, una delle ricercatrici:

Abbiamo scoperto che c'è un mix di stati depressivi che spesso precedono i tentativi di suicidio. Uno stato depressivo misto è quando il paziente è depresso, ma mostra anche sintomi di eccitazione o ossessione. Servono delle efficaci misure di prevenzione.