Intervento da record a Messina. A un uomo di 106 anni è stato impiantato un pacemaker cardiaco bicamerale. L’operazione è avvenuta al presidio ospedaliero Piemonte dell’Irccs Bonino Pulejo. Il paziente era arrivato nei giorni scorsi al pronto soccorso, a causa di una perdita di coscienza.

Era stato ricoverato nel reparto di Cardiologia, diretto da Gaetano Cannavà. Qui gli è stato diagnosticato un blocco elettrico delle vie di conduzione del cuore.

A causa della particolare condizione, si è deciso di procedere con l’intervento per impiantare il pacemaker. Un’operazione non semplice, come è facile immaginare, a causa dell’età del paziente. L’equipe che ha operato era composta, oltre che da Cannavà, da Giuseppe Picciolo, Antonio Duca e dall’infermiera Rossella Vaperaria. L’intervento è perfettamente riuscito e l’ultracentenario ha già lasciato l’ospedale.

Intervento da record a Messina

«La complessità del caso sta tutta nell’età avanzata del paziente e nel suo stato generale di grande anziano, quindi nella fragilità intrinseca del sistema cardiorespiratorio e non per la tipologia di procedura chirurgica». Queste le parole del primario Cannavà.