“No al processo di deindustrializzazione e ai licenziamenti”. L’appello di Maurizio Landini, leader della Fiom parte da Roma dove oggi, in occasione dello sciopero nazionale della Fiom Cgil, le tute blu dello stabilimento palermitano di Termini Imerese stanno guidando il lungo corteo partito alle  9,30 da piazza Esedra e che si sta dirigendo verso la sede del ministero dello Sviluppo economico.

[Continua la lettura dell’articolo]