la grande bellezza

Le previsioni ci hanno azzeccato: il film La grande bellezza di Paolo Sorrentino, si è aggiudicato l’Oscar per il miglior film straniero. A 15 anni di distanza dopo “La vita è bella” di Roberto Benigni, l’Italia torna a vincere.  

Dopo aver ricevuto la statuetta d’oro il regista ha voluto ringraziare le persone che l’hanno ispirato: «Grazie alle mie fonti di ispirazione: Talking Heads, Federico Fellini, Martin Scorsese e Maradona. Grazie a Roma e a Napoli e alla mia personale grande bellezza: Daniela, Anna e Carlo».  Il film di Sorrentino aveva già conquistato il primo premio Efa, a gennaio il Golden Globe, poi il Bafta, l'Oscar britannico. Le parole del presidente del Consiglio Matteo Renzi in un tweet, dopo la vittoria del regista napoletano: "In queste ore dobbiamo pensare ad altro e lo stiamo facendo. Ma il momento orgoglio italiano per Sorrentino e #LaGrandeBellezza ci sta tutto".

Carlo Verdone, uno dei protagonisti de La grande bellezza, commenta così il trionfo agli Oscar: "Un successo straordinario che arriva in un momento molto importate. L’Italia aveva bisogno di una grande finestra internazionale e sono felice che sia arrivata con la cultura visto che non ce la facciamo con l’economia. Abbiamo dato un bel segnale perché la cultura aiuta. Aiuta l’industria, dà credibilità, almeno sul piano artistico all’Italia, aiuterà sicuramente i produttori a trovare più coraggio. Insomma è un effetto a raffica molto, molto importante". Ed aggiunge: "Questo film è stato compreso meglio all’estero che non in Italia, è questo che ha fatto la differenza. Hanno capito il dramma umano, che poi non è il dramma umano dell’Italia ma di tutto il mondo occidentale. L’hanno colto in un una maniera diversa; è un film struggente e anche molto spirituale, secondo me. Noi purtroppo, più andiamo avanti e più siamo meno adatti al cinema d’autore. Questa è la verità".

[youtube]http://youtu.be/xLB1-LhnGXQ[/youtube]