"Sindrome di Stoccolma" durante un rapina in gioielleria a Napoli. Il furto è avvenuto nel quartiere Ponticelli e il colpo è finito con una stretta di mano tra il rapinatore e il gioielliere. Una coppia di rapinatori è entrata nel negozio, fingendo di essere interessata all'acquisto di gioielli. Come si vede nel filmato, lui poco dopo ha estratto la pistola, immobilizzando il titolare, mentre lei ha svuotato la cassaforte.

Presi i gioielli, la donna è andata via mentre l'uomo si è fermato a chiacchierare con la vittima, arrivando anche a mostrare il suo documento. I due si sono salutati dandosi la mano. Alcuni passanti avevano nel frattempo chiamato il 112: il rapinatore è scappato a piedi, ma è stato bloccato con l'arma ancora addosso. Si tratta di un trentenne evaso dai domiciliari, arrestato per rapina aggravata, porto e detenzione di arma clandestina. Dalle indagini è stata identificata la complice, che si è costituita dai carabinieri di Poggioreale.