Antonella aveva già denunciato il marito ma nessuno ha fatto qualcosa, volevano vedere il sangue. Adesso fate in modo che non succeda più nulla di simile. E’ lo sfogo disperato della sorella di Antonella Russo, la donna di 48 anni uccisa dal marito Antonio Mensa, un gommista di 58 anni, davanti al figlio di 4 anni, lascia tre figli orfani. Un grido di dolore che contiene anche un appello alle istituzioni perché affrontino la piaga dello stalking che troppo volte quest’anno ha portato a casi di ‘femminicidio’.

[Continua la lettura dell’articolo]