Il Comune di Palermo professa tranquillità, anche perché la visita era stata annunciata. Da ieri, in ogni caso, degli ispettori inviati da Raffaele Cantone (nella foto), presidente dell'Autorità nazionale Anticorruzione, stanno passando al setaccio pile di documenti e relazioni. Sotto la lente di ingrandimento dei "segugi", reclutamento del personale e rotazione dei dipendenti, possibili conflitti d'interesse, fornitura di beni e servizi e incarichi di qualsivoglia natura.

La macchina comunale di Palazzo delle Aquile, al di là della retorica, è in agitazione. Gli ispettori dell'Anticorruzione resteranno in città per qualche giorno: l'obiettivo è accertare il rispetto delle norme in seno a questo delicatissimo tema.