"Mio padre ha una tetraparesi, una paralisi degli arti superiori e inferiori. Il vuoto che abbiamo è incolmabile, svegliarsi la mattina e non vedere mio padre è tremendo". A parlare a Pomeriggio Cinque è Rosalia, la figlia di Luigi Licari, il vigile picchiato a Catania lo scorso settembre mentre era in servizio. 

"Abbiamo chiesto al sindaco Enzo Bianco e al ministro Minniti di starci vicino per le spese di assistenza personale straordinaria perché mio padre è l’unico a percepire reddito nella nostra famiglia", dice il figlio Carlo. "Visto che non percepisce più lo stipendio siamo scoperti e non possiamo più assisterlo 24 ore su 24", aggiunge sempre il ragazzo che poi conclude: "Dobbiamo ringraziare il capitano dei vigili di Catania che ha organizzato una raccolta fondi per aiutarci".

La conduttrice Barbara d'Urso ha spiegato che il programma è entrato in contatto con il Comune di Catania e che tra qualche mese dovrebbero essere sbloccati dei fondi dedicati proprio ai casi analoghi a quello di Luigi Licari.

PER VEDERE IL VIDEO, CLICCA QUI