A 27 anni dalla chiusura, ripartono i lavori per ripristinare la storica ferrovia Alcantara-Randazzo. Lo ha annunciato il presidente del Parco Fluviale dell’Alcantara, Renato Fichera: “Già da lunedì 14 via i lavori dal primo tratto”.

Rinasce la Ferrovia Alcantara-Randazzo

L’annuncio è arrivato in seguito a una riunione con i vertici di Ferrovie: “Spero che la tratta, con i successivi interventi, possa raggiungere la città di Randazzo affinché, un domani, tutti i Comuni del Parco possano essere visitati e serviti da un servizio di trasporto idoneo per diminuire le criticità oggi riscontrate a causa di trasporto su mezzi gommati”, ha commentato Fichera.

La linea è chiusa dal 1995 e adesso vuole rinascere con i treni turistici. La rimessa in funzione della prima tratta rientra in un finanziamento concesso a Fondazione Ferrovie dello Stato dal ministero Beni Culturali con fondi del PNRR, per circa 15 milioni di euro. Durante alcuni sopralluoghi è stato accertato lo stato delle strutture.

L’intervento previsto consiste nella demolizione e ricostruzione, senza alcuna modifica di tracciato, del binario e della massicciata e nel ripristino delle opere d’arte. Particolare attenzione è anche stata prestata al tratto della galleria che, dalla parte bassa di Francavilla di Sicilia, porta alla stazione centrale.

Un po’ di storia

La storica ferrovia Randazzo-Alcantara, estesa per circa 37 chilometri, collegava il versante settentrionale dell’Etna con la linea costiera ionica Messina-Catania. Si dirama dalla Stazione di Alcantara, seguendo la valle del fiume, prima di raggiungere Randazzo. Il percorso è abbastanza tortuoso e quasi del tutto in salita.

Realizzata tra il 1928 e il 1959, fu interrotta da una colata lavica nel 1981 e ripristinata nel 1983, per essere in seguito chiusa all’iniziod egli anni Novanta. Il suo potenziale turistico è molto elevato, poiché passa a pochi metri delle celebri Gole dell’Alcantara.

Foto di Dantadd – Own work, CC BY-SA 2.5.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia