soldiAntonina Bellina è una pensionata di Lentini, in provincia di Siracusa, che qualche giorno fa rovistando nella cantina della sua abitazione ha trovato, nascosti dentro una botte, 43 milioni di vecchie lire. La scoperta l’ha fatta sobbalzare, e non ci ha messo molto per capire che quel piccolo tesoro doveva essere convertito in euro. La donna si è quindi rivolta alla Banca d’Italia che però le ha risposto che il tempo per convertire il denaro in euro è ormai scaduto.

La signora ha quindi pensato di rivolgersi all’associazione Agitalia, che si occupa della riscossione dei libretti bancari e postali antichi, e da quel momento la sua speranza si è riaccesa: “Vivo in casa con la anziana mamma e ho una pensione al minimo”.

Quei soldi erano i risparmi di una vita della nonna e di un convivente: era stato quest’ultimo a nascondere il bottino in cantina, ma la sua morte – piuttosto improvvisa – aveva fatto perdere le tracce di quel denaro. La nonna si era trasferita a casa della figlia vedova e la damigiana era stata dimenticata in garage per anni.

Serena Freni StrettoWeb