Lino Banfi, nella sua carriera, ha fatto ridere il pubblico tantissime volte, ma dietro la sua simpatia si nasconde una profonda sofferenza, legata alla malattia della moglie, confessata a Il Messaggero. L'attore, che ha spento 82 candeline, ha rivelato: «Mia moglie, a volte, mi chiede come farò quando lei non sarà più in grado di riconoscermi. E io, per tranquillizzarla, le rispondo che ci ripresenteremo un’altra volta».

L'attore pugliese sfoga la sua rabbia al quotidiano: «Non accetto che mia moglie non stia bene, in un momento in cui mi sarei voluto godere la mia vita accanto a lei».

Banfi, che ha festeggiato il compleanno con i parenti, ha rivelato di vivere un periodo di profonda sofferenza e di aver trovato conforto nel cibo: «Mangio porcherie, cose che mi fanno male: a volte lo faccio perché non so che fare della rabbia». E aggiunge, parlando della moglie: «Oggi sta bene. È sorridente, mi riconosce, anche se sa bene quale può essere la sua strada».

Nell'intervista l'attore ha detto di sé: «Io mi sento di avere la mente fresca di un trentenne. Tanti attori, molto più giovani di me, mi invidiano la memoria. E poi ho una salute di ferro: non ho mai preso una pillola in vita mia: il colesterolo e i trigliceridi sono perfetti».