Colpo di scena del governo Renzi; nonostante le dichiarazioni pubbliche (ed una mozione per il dimezzamento della spesa)  il governo ha deluso tutti. La scelta è la seguente: entro il 2020 l’Italia comprerà i primi otto (di 38) caccia militari F-35. Torna così l’esigenza della mobilitazione per il disarmo della nazione.

L’acquisto di 38 caccia militari F-35 lo si evince dal “documento programmatico pluriennale per la difesa”. Il valore economico dell’acquisto dei caccia F-35 è di 10 miliardi di euro.

IL TRISTE EPILOGO

Una notizia disarmante per la nostra nazione e per quanti si sono impegnati  per il dimezzamento della spesa militare. Era nata anche una campagna “Taglia le ali alle armi” appoggiata da una mozione parlamentare . Si era anche ipotizzato come sfruttare gli stessi soldi per opere migliori e proficue, in una nazione ormai al tracollo; ma il tutto, non è servito a nulla.  Il Governo Renzi ha confermato la spesa senza dimezzare nulla.

Ecco lo sfogo del Portavoce della Francesco Vignarca:

Per mesi abbiamo chiesto un taglio di questo budget ma non ci è stato possibile capire come il governo si stesse muovendo, visto che le tabelle relative agli acquisti erano sparite dalla legge di Stabilità della fine del 2014. Non si sapeva quanto si sarebbe speso nel 2015 perché il capitolo di acquisti armati non aveva il dettaglio. Poi siamo arrivati a questo documento: non solo si verifica che i soldi sul 2015 sono previsti tutti ma complessivamente non c'è stata nessuna riduzione. Tutte le discussioni fatte finora sono state inutili perché il governo ha fatto quello che voleva e ha tirato dritto per la sua strada, indifferente a tutto. Ma perché allora non se ne parla chiaramente? Forse perché i cittadini sono contrari a tutto questo.