È stato lo chef siciliano Accursio Lotà, originario di Menfi ma trapiantato in California, a San Diego, ad aggiudicarsi la sesta edizione del Barilla Pasta World Championship, una competizione riservata ai migliori talent chef internazionali, alle prese con il piatto simbolo della cucina italiana. Lotà ha presentato i suoi spaghetti alla carbonara di mare, un omaggio ai sapori mediterranei e alla Sicilia: la base è un carpaccio di ricciola e la finitura i gamberi rossi di Mazara del Vallo.

Nel mezzo, i classici spaghetti sono mantecati con uova di salmone marinate, bottarga di tonno, uova di riccio e caviale Osetra. Il guanciale c’è, ma in memoria: nel suo grasso sono state scottate le capesante. A pulire la bocca la freschezza agrumata delle zeste di mandarino. «Sono felice – ha affermato Lotà -. Lavoro all'estero ma le mie origini italiane mi impongono di rispettare la tradizione della pasta, a cominciare dalla cottura al dente».