Quell'uomo, per l'anagrafe, non esiste da almeno 25 anni: non ha carta d'identità, nessuna tessera sanitaria, nessun telefono e neanche la patente. È nato e cresciuto a Torino, ma di fatto vive in Liguria e la sua storia è stata raccontata sulle pagine de La Stampa. Guardando una fotografia sul giornale, però, qualcuno l'ha riconosciuto: quel qualcuno è la 53enne Giuseppina Giacchino: "L'uomo fantasma è mio marito. Voglio che venga un giorno a Torino, per mettere una firma sulle carte del divorzio". 

Così è venuto fuori che si chiama Ivano Stellato e che è nato nel 1963: "Ci siamo sposati il 2 luglio di 35 anni fa. Non chiedo soldi, né che si assuma le responsabilità di padre verso il figlio, che ha abbandonato quando aveva nove anni", ha spiegato la donna. Quello che vuole adesso, è riprendere in mano la sua vita: "Quello che voglio è la mia libertà. E solo Ivano me la può restituire. Io adesso ho da tempo un nuovo compagno. Vorremmo sposarci". Secondo la donna, Ivano è scappato da Torino per la stessa ragione che ha portato alla fine burrascosa della nostra relazione: le donne.

Lui, invece, aveva raccontato di essere scappato in Inghilterra per problemi con la legge del fratello e per una brutta malattia della madre. Poi si era trasferito in Liguria, per ricominciare da zero:  "Si è messo con un'altra signora – prosegue la moglie – che evidentemente ha creduto alla sua storia di fantasma, lo ha accolto nella sua casa e da cui ha avuto anche un figlio"