La musica siciliane piange il maestro Brigantony, all’anagrafe Antonino Caponnetto, scomparso all’età di 74 anni. La notizia è stata comunicata dalla figlia Giusy.

Come riportato su BlogSicilia, Brigantony, popolare cantautore catanese, malato da tempo, era ricoverato da alcuni giorni in ospedale, in rianimazione. La morte è sopraggiunta poco prima della mezzanotte.

Giusy Caponnetto sui social ha scritto: “Cari fan brigantoniani volevamo darvi solo belle notizie e rivederlo insieme a voi su un palco a farci sorridere a tutti, ma il buon Dio ha fatto la sua volontà portandolo con sé. Mio padre ci ha lasciati, ma solo fisicamente lasciando a tutti noi un vasto repertorio musicale indelebile, irripetibile e inimitabile. Lui diceva in una scenetta o canzone, adesso non ricordo bene, sicuramente voi la conoscete: ‘Brigantony cì né 1, tutto il resto è una volgare imitazione’. Riposa in pace papà. Grazie a tutti per il vostro caloroso affetto da parte mia e tutta la mia famiglia”.

Le canzoni di Brigantony – nato a Catania, emigrato in Belgio all’età di 28 anni dove cominciò a lavorare come muratore – hanno venduto milioni di copie e sono tradotte in più lingue per i siciliani emigrati all’estero.

La sua musica spazia dalla tarantella siciliana (“Tarantella erotica”, “Tarantella cumannata”) al rock (“Nannu rock”, “U vinu sicilianu”), alla dance anni Ottanta e Novanta (“Semu fuiuti frischi”), fino al rap (“Opa’cche bellu ‘u cinima”).

In totale, il maestro Brigantony, dal 1975 al 2008, ha pubblicato ben 46 dischi.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia