Olio extra vergine di oliva vero o falso?

Per tutelare il made in Italy arriva la macchina della verità per l'olio.

Dopo gli scandali che hanno colpito la produzione di olio d'oliva arriva la macchina della verità per smascherare i finti extravergine e aiutare i produttori (ed i consumatori) nella scelta coerente del prodotto. 

E' la Coldiretti a farsi carico dell'iniziativa in occasione della Giornata nazionale dell’extravergine italiano.

La macchina, che funziona come una Tac, è stata realizzata dal team capitanato dal professor Francesco Paolo Fanizzi del Dipartimento di Scienze e tecnologie biologiche ed ambientali dell'Università del Salento.

Come funziona il macchinario?

Un campione di olio viene passato sotto dei raggi in grado di scannerizzare l'essenza del composto. Il risultato sarà un fermo immagine con delle caratteristiche particolari. L'immagine dell'olio analizzato verrà sottoposta ad un ulteriore esame.

La macchina infatti possiede un database di immagini – ognuna delle quali – corrispondenti alle differenti varietà di oli italiani presenti sul territorio. Solo in questo modo è possibile capire con certezza se l'olio analizzato ha le stesse caratteristiche di un qualsiasi altro olio italiano – schedato – oppure no.