E’ considerato il reggente della famiglia mafiosa di Niscemi ma negli anni ’90 era stato anche consigliere comunale della Democrazia Cristiana. Adesso ha deciso di saltare il fosso e sta parlando con gli inquirenti di mafia e di politica locale e regionale.

[Continua la lettura dell’articolo]