Un palermitano di 31 anni è stato arrestato a Certaldo, in provincia di Firenze, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia: ha picchiato a sangue la moglie, mentre in casa c'erano i loro due figli. Nel corso di una lite il 31enne avrebbe più volte colpito la donna, provocandole la frattura delle ossa del naso, un trauma cranico e un trauma contusivo del torace.

Le lesioni sono state giudicate guaribili in 25 giorni. Il palermitano era già noto alle forze dell'ordine ed è stato portato in carcere, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia: pare non fosse la prima volta in cui la moglie subiva aggressioni da parte sua.

Decisiva, in questo caso, la telefonata della sorella alla moglie, che è riuscita ad allertare i carabinieri: al loro arrivo il 31enne, completamente ubriaco, non voleva aprire la porta. Sono quindi intervenuti i vigili del fuoco, per sfondarla. A quel punto all'uomo non è rimasto altro da fare se non consegnarsi agli agenti.