Tragedia in Grecia, dove una mamma di 37 anni è morta dopo aver mangiato un solo boccone di pollo crudo. La donna, Natalie Rawnsley, si trovava a Corfù insieme al marito e i due figli e in appena 36 ore è deceduta. La donna era in perfetta salute e conduceva uno stile di vita sano. La vicenda è avvenuta un anno fa, ma soltanto adesso è stata fatta luce sulle cause della morte.

La carne servita a Nathalie conteneva un batterio letale, come ha rivelato il Daily Mail: una volta rientrata con la famiglia in hotel, ha iniziato a vomitare e originariamente si pensava a una gastroenterite. La situazione, però, è rapidamente peggiorata e la donna è stata trasportata d'urgenza in ospedale: aveva contratto, attraverso il pollo crudo, una grave infezione da e-coli.

Come ha raccontato il marito, la sera in cui è morta, la 37enne aveva consumato una pietanza diversa da quella degli altri: "Natalie aveva una cena completamente diversa che consisteva in pollo, insalata, gamberi e verdure. Eravamo già al tavolo quando è tornata con il suo cibo. Ha iniziato a mangiare e dal pollo, mentre lo tagliava, usciva sangue rosso. A quel punto ho commentato che sembrava sanguinante, si è alzata e ha preso un nuovo pezzo".

La donna, però, aveva già mangiato l'altro pezzo di pollo e ha iniziato a sentirsi male poco dopo. In poche ore, è morta.