GELA (CALTANISSETTA) – A una settimana dalla tragedia di via Passaniti che ha travolto un’intera famiglia e in generale tutta la comunità gelese, Vincenzo Trainito, il padre delle piccole Maria Sofia e Gaia rivolge un sentito ringraziamento all’intera città per quella che lui stesso definisce una "vicenda di straziante dolore". Ecco cosa ha scritto l'uomo, 48 anni.

"Ringrazio l’amministrazione comunale e il consiglio comunale per la sensibilità mostrata e avuta, in questa vicenda di straziante dolore. Ringrazio il personale del 118, prontamente intervenuto. Ringrazio le forze dell’ordine, tutte, per la loro professionalità, nel gestire la drammatica vicenda, in particolare l’arma dei carabinieri. Sento il conforto delle parole del Vescovo, di Don Salvo e della comunità ecclesiastica, nel ricordare le mie bambine nelle loro preghiere. Agli organi di stampa e informazione il merito di aver avuto professionalità e discrezione nel raccontare quanto finora dato a sapere. Alle maestre, alle insegnanti e alle suore che hanno mostrato affetto e sostegno. In questi giorni di dolore ho sentito e sento ancora forte la vicinanza della commossa folla di cittadini, colleghi e amici e conoscenti, anch’essi attoniti e storditi, partecipi al mio strazio; affido a queste poche righe il mio sentito, sincero, ringraziamento".

LEGGI ANCHE:

Delitto di Gela: Giusy Savatta chiede perdono dal carcere

Giuseppa Savatta, la donna che ha ucciso le figlie a Gela, rinchiusa nello stesso carcere di Veronica Panarello

Sorelline uccise a Gela: Giusy Savatta era ossessionata da Veronica Panarello

Nuove rivelazioni sul caso di Maria Sofia e Gaia, uccise dalla madre Giuseppa Savatta