I carabinieri del comando tutela ambientale, nucleo operativo ecologico di Catania hanno scoperto a Mineo che il titolare di un impianto di macellazione avicola (A.V.G., 50 anni) aveva omesso di far confluire gli scarti della lavorazione dei polli macellati negli appositi impianti di incenerimento e/o trattamento di recupero, trasportando e gettando gli stessi dentro una sorta di buca di grandi dimensioni, nei pressi di altri capannoni della sua stessa area aziendale. Una grande quantità di scarti è fuoriuscita e si è riversata sul pendio esistente, trasformandosi in una colata maleodorante che ha inquinato la vallata sottostante.

Anche il sistema di depurazione delle acque reflue, provenienti dal ciclo della macellazione non funzionava da tempo: le acque, per lungo tempo sono state riversate sul terreno, aumentandone notevolemente l'inquinamento. Le aree interessate dagli scarichi e dagli sversamenti abusivi sono state poste sotto sequestro. Il titolare è stato denunciato per i reati di realizzazione di discarica abusiva, smaltimento illecito di rifiuti e scarico di reflui non autorizzati.