01In questo momento si stanno girando all’aeroporto di Comiso alcuni momenti della nuova serie del commissario Montalbano.

 

[Nota] Còmiso è un comune italiano di 29mila abitanti della provincia di Ragusa in Sicilia.

Se siete in zona, quindi, magari potreste fare una capatina per rubare autografi e qualche foto.

In questi giorni si era parlato molto della possibilità che Montalbano abbandonasse la Sicilia per mancanza di incentivi economici alla serie televisiva.

Ma se le istituzioni burocratiche son lente, lentissime, non lo è la società. Ed allora il presidente della Soaco, società di gestione dell’aeroporto “Pio La Torre”, Rosario Dibennardo, e l’amministratore delegato, Enzo Taverniti, hanno comunicato «di aver elaborato la forma del proprio contributo a una fiction che sicuramente ha dato e sta dando molto al territorio ibleo, sia in termini di popolarità che economici. La società ha infatti ritenuto opportuno non richiedere alcun pagamento né per l’atterraggio e il decollo di aerei di aviazione generale con a bordo maestranze e/o attrezzature per la produzione tv, né per l’eventuale utilizzo dello scalo quale ambientazione di scene».

Detto tra noi sembra tutto normale.
Noi siciliani siamo abituati alle gentilezze.
In ogni caso mi sembrava giusto riportarlo visto che ultimamente sui giornali ci hanno fatto fare la figura dei fessi. Fessi un tantino ricattati.

Io non mi permetto di addentrarmi oltre nella polemica, perchè non so quanto possa costare girare una serie televisiva. Non so neppure quanto possa guadagnare chi ne detiene i diritti.

Il dubbio che mi è rimasto è che ci siano state delle mere mosse politiche perchè chi guadagna già tanto continui a guadagnare tanto.

Autore | Viola Dante » seguimi su facebook ♥